Dr Matteo Fosco | Logo  +39 324 5872767
Dr Matteo Fosco | Logo  
Toggle navigation
Dr Matteo Fosco | Logo
Articolazione acromion claveare

Intervento di ricostruzione articolazione acromion claveare

L'intervento di ricostruzione dell'articolazione acromion claveare consiste nel riportare la clavicola nella sua sede anatomica e stabilizzarla in maniera duratura

Ricostruzione con tendine di lussazione cronica acromion claveare. Radiografia prima e dopo l’intervento, schema intervento

Ricostruzione con tendine di lussazione cronica acromion claveare. Radiografia prima e dopo l’intervento, schema intervento

Per ricostruire i legamenti lesionati vengono utilizzati legamenti sintetici o un tendine, prelevato dal paziente stesso, o da donatore.

Quando è indicato il trattamento chirurgico in presenza di una lussazione dell'articolazione acromion claveare?

L'intervento chirurgico inizia ad essere preso in considerazione nelle lussazioni di terzo grado, quando la deformità a livello della spalla è evidente.

Nei casi di lussazione di terzo grado, spesso l'operazione viene richiesta dal paziente entro un mese dalla lussazione, più che altro per un problema estetico. L’intervento può essere indicato anche in quei pazienti che continuano ad accusare dolore o deficit funzionale alla spalla traumatizzata a distanza di 3-6 mesi dal trauma  (evenienza più frequente nei giovani sportivi).


Diverso è il discorso per le lussazioni di quarto e quinto grado in cui la clavicola è estremamente distante dall’acromion anteriore e posteriore e può dare sintomi in quanto va a ledere le fibre dei muscoli deltoide e trapezio. In questi casi i muscoli si deformano per via della lussazione e l’intervento non ha solo un'indicazione estetica ma anche funzionale ed andrebbe effettuato il prima possibile dopo il trauma.

Le fasi dell'intervento chirurgico

Una piccola incisione viene effettuata sulla parte superiore della spalla per esporre la clavicola e la coracoide.

Il tendine viene fatto passare attorno alla coracoide, poi passato nella clavicola attraverso piccoli tunnel ed infine ribattuto sull’acromion per ricostruire i legamenti acromion-claveari.

Dei fili di sutura ad alta resistenza vengono fatti passare con la stessa modalità. È sufficiente ridurre la clavicola in posizione naturale e legare i fili tra loro per mantenerla in posizione.

Viene infine stabilizzato il tendine con mini-viti ad interferenza o con suture sull’osso.


La procedura viene eseguita in anestesia loco-regionale a cui può essere associata una sedazione per il confort del paziente (anestesia “blended”). L’intervento dura in media 60 minuti e richiede una degenza ospedaliera di circa 2 giorni.


Dopo l’intervento viene applicata una medicazione e sarà necessario indossare un tutore leggero di spalla. Il dolore dopo l’intervento, solitamente lieve-moderato, può essere facilmente controllato con antidolorifici; il ghiaccio, posto localmente a cicli di 30 minuti, può contribuire a ridurre il dolore post-operatorio.

La riabilitazione ed il recupero post-operatorio

Per 6 settimane dopo l’intervento di ricostruzione dell'articolazione acromion claveare, la spalla sarà immobilizzata in un tutore leggero; durante questo periodo è consentito mobilizzare progressivamente la spalla con l'aiuto di un fisioterapista. Dopo 6 settimane e la visita con il chirurgo si potrà rimuovere il tutore in maniera permanente e proseguire con la riabilitazione (che può durare da 2 a 3 mesi, secondo il livello di attività atteso dal paziente).


La ripresa della guida è possibile dopo 2 mesi dall’intervento, mentre la ripresa delle attività lavorative è possibile dopo 1-2 mesi anche in base alla professione del paziente. Il ritorno ad un lavoro “di ufficio” può avvenire prima. La ripresa delle attività sportive di solito comincia 3 mesi dopo l’intervento, ma spesso ci vogliono 4-6 mesi per riprendere tutti gli sport, soprattutto quelli di lancio o che sollecitano la spalla.

I rischi e le complicanze dell'operazione

Oltre ai rischi comuni a qualsiasi intervento chirurgico, vi sono alcuni rischi specifici per questo tipo di intervento:

  • Si può sviluppare una rigidità articolare per diverse cause, tra cui una rigidità prima dell’intervento, un tempo d’immobilizzazione più lungo, una scarsa compliance al protocollo riabilitativo, una rieducazione post-operatoria mal eseguita.
  • Raramente si può verificare una reazione infiammatoria intrarticolare che può arrivare fino ad una algodistrofia (sindrome locale simpatica riflessa). Tuttavia, sono state sviluppate nuove terapie in grado di gestire più facilmente questa rara complicanza.
  • Il verificarsi di un’infezione del sito chirurgico rimane un caso eccezionale. Nel caso si verifichi, si esegue solitamente una terapia antibiotica più o meno lunga con, eventualmente, una pulizia chirurgica.
  • E’ possibile che il sanguinamento del sito chirurgico porti alla formazione di un’ematoma che può richiedere un’evacuazione chirurgica.
  • I nervi che circondano la spalla possono essere feriti accidentalmente durante l’intervento; questa rara complicanza può causare dolore e perdita di sensibilità in alcune parti del braccio.
  • A volte si può verificare una frattura della clavicola o della coracoide, un fallimento del sistema di fissazione, che possono comportare un ulteriore intervento chirurgico.

I rischi elencati non rappresentano un elenco esaustivo. Il Chirurgo della COM sarà a disposizione per discutere di rischi, modalità, aspettative di ogni singolo caso.

Risultati dopo intervento di ricostruzione dell'articolazione acromion claveare

Dopo l'operazione la scomparsa della deformità del profilo della clavicola è immediata, la risoluzione del dolore è molto veloce. Il recupero della completa mobilità e della forza muscolare di solito si verifica dopo 2-3 mesi dall’intervento.

Il neo-legamento non è solido come i legamenti sani ed una recidiva della lussazione si può verificare con un trauma. Anche con dei legamenti ben cicatrizzati, si può avere un’evoluzione verso un allentamento dei legamenti stessi.


Questa tecnica porta ad una clavicola stabile, una risoluzione del dolore ed un recupero di tutte le attività nel 90% dei casi.

Contatta il Dr Matteo Fosco
per prenotare una visita
Dr Matteo Fosco | Contatti